70250397_406974210017856_191234767474130944_n

EtnaBook – Festival Internazionale del libro a Catania

La Lekton Edizioni è lieta di annunciarvi che parteciperà all’EtnaBook – Festival Internazionale del libro a Catania. Il Festival si terrà dal 19 al 21 settembre presso la sede della CGIL in via Crociferi 40, dove ci troverete per tutta la durata dell’evento  dalle ore 18:30 alle ore 23:00.

Il 20 settembre, alle ore 19:00, si terrà la presentazione della collana Sképsis, alla quale prenderanno parte i due autori Simone Belvedere e Selenia Anastasi per parlarvi delle loro opere.

Mens Extensa, saggio che ripercorre la storia del rapporto tra mente e cervello, dai filosofi antichi a oggi, per giungere a trattare gli effetti che la mente umana ha sul mondo. Nella seconda parte del libro, l’autore si sofferma in maniera più estesa sul rapporto che l’uomo ha con la tecnologia, definendolo un nuovo prometeo: «L’uomo, […] come novello Prometeo, plasmando crea il proprio mondo, un mondo in cui poter vivere, un mondo intelligente […], un mondo modellato dalla nostra azione cognitiva e che appare, sempre più, costellato di artefatti». Partendo dal semplice foglio di carta che utilizziamo per appuntare un pensiero, nel tempo abbiamo imparato ad avvalerci di una serie di artefatti sempre più sofisticati, come computer e smartphone. Tra gli artefatti, però, ve n’è uno che supera tutti gli altri, un  artefatto senza precedenti e che rischia di non averne in futuro: la bomba atomica.

Questo è il mondo che andiamo a creare, costruito per noi e piegato alle nostre esigenze, perlomeno così pensiamo. La tecnologia nuoce all’uomo o fa parte della sua stessa evoluzione? Se fosse la tecnologia un giorno a essere non più strumento per noi, ma parte di noi? Se fossimo noi stessi un giorno per metà (o anche più) macchine, cyborg? Forse lo siamo già.

Queste sono le ricerche intraprese nel secondo anello della collana, il cui titolo è una piccola provocazione: appunto, Verificare di essere umani, che guarda a scenari futuri tra ansie, utopie e speranze, in un discorso che abbia un valore etico: «Siamo ancora umani, troppo umani, ma perché il post-umano non resti l’abbaglio visionario di una generazione di nuovi sognatori, illusi di poter capovolgere lo status quo […], urge ripensare radicalmente la nostra etica, rivedere le nostre politiche ecologiche, abbattere inerzie e abitudini antiche, fondare metodi di conoscenza e istituzioni nuove. Serve pensare il futuro come il realizzarsi di virtualità presenti».

Cos'è EtnaBook

L’evento Etnabook Festival è organizzato dall’associazione culturale NO_NAME con lo scopo inequivocabile di promuovere la cultura attraverso l’esplorazione del mondo universale del libro. Il tutto attraverso una tre giorni ricca di incontri, presentazioni di libri di nuova uscita e non, un laboratorio di scrittura, il contest “un libro in una pagina” e in ultimo, ma non per importanza, il concorso letterario “Etna Book – Cultura sotto il vulcano” (premiazione prevista durante la serata di gala di chiusura festival). La direzione artistica e organizzativa sarà a cura di NO_NAME insieme a Pronto Soccorso Letterario.

Il tema scelto da Etnabook per la sua prima edizione è l’antifascismo. La nostra epoca è attraversata da un vento freddo fatto di nazionalismo, conservatorismo estremo e rifiuto delle diversità, siano esse etniche, religiose, culturali, sessuali o politiche. La nostra opinione è che non si possa rimanere in silenzio davanti a questa deriva e che sia anzi necessario un impegno da parte di tutti.

La parola è l’arma più potente che abbiamo, usiamola bene.

Resta aggiornato sulle novità Lekton