Prefazione

L’umano ha bisogno di verifica, sempre. Verifica dei suoi poteri, verifica della sua natura, verifica di un possibile futuro. La modalità più autorevole con la quale attuare tali verifiche si chiama filosofia. Essa costituisce la sapienza del limite, necessaria per non soccombere alla nostra stessa potenza. Verificare di essere umani è un libro di filosofia anche perché tenta questa verifica in uno degli snodi essenziali della scienza e della tecnica contemporanee, quello che sembra aprire all’umano la possibilità di trasformarsi in altro rispetto a ciò che sinora è stato. Il movimento transumanista rappresenta infatti «un utile espediente attraverso il quale esplorare la contemporaneità e le sue acquisizioni teoriche lungo l’arco di tempo dell’ultimo trentennio» (Infra, p. 160). Selenia Anastasi indaga la contemporaneità transumanista cominciando con il delineare e chiarire tre concetti generali e, per questa ricerca, fondamentali: la Distopia, l’Utopia e la Trascendenza, che vengono individuati e declinati nelle forme antropologiche dell’Homo Technologicus, Homo Utopicus e Homo Trascendens. Il percorso va dalle avanguardie concettuali e artistiche del Novecento agli estropiani che credono si possa sconfiggere la morte. L’esito di questa prima ricognizione è che «il pensiero transumanista non è univoco e in esso convergono invero visioni varie e differenziate» (Infra, p. 53), le quali affondano naturalmente nel grande paradigma darwiniano e si incentrano oggi sui concetti di Singolarità, Molteplicità, Ibridazione. Concetti talmente aperti e plurali da poter essere rintracciati in studiosi del tutto diversi tra di loro quali Pierre Teilhard de Chardin e Raymond Kurzweil. Attraverso l’analisi delle loro diagnosi e proposte teoretiche, come anche mediante i testi di Marvin Minsky, Hans Moravec, Gregory Bateson, Giuseppe O. Longo, Naief  Yehya, Rosi Braidotti, vengono indagati lo statuto, la possibilità e i limiti delle intelligenze artificiali. Lo si fa però, e questo è uno dei tratti di saggezza del libro, sempre a partire dalla corporeità che siamo, dalle sue emozioni. Due degli elementi più fecondi della ricerca di Anastasi sono costituiti dall’attenzione rivolta alle radici e alle componenti religiose delle tesi transumaniste e dalla cura verso le indicazioni operative, volte non soltanto a comprendere il mondo contemporaneo ma a immergersi in modo attivo e critico nelle sue tecnologie. Questo libro conferma che la questione fondamentale dell’umano è la questione della sua fine, del morire. Filosofie, religioni, progetti politici, arti, comunità e comportamenti si generano sempre da tale sfondo di finitudine e di dramma. Due dei tanti poli tra i quali trascorre questo teatro della disillusione sono costituiti da uno sguardo disincantato e coraggioso – che accoglie e accetta la fine come struttura dell’inevitabile – e dal tentativo di trascendere la distruzione attraverso credenze e pratiche capaci di farci entrare in una qualche forma di assoluto. Come afferma Jules Evans, i transumanisti  aspettano «la Singolarità, ovvero il giorno non troppo lontano in cui gli esseri umani creeranno un’intelligenza artificiale (IA) capace di una coscienza che supererà la facoltà e le capacità intellettive dell’uomo» e nell’attesa cercano disperatamente di rimandare il momento della propria morte con integratori, terapie endovenose e altre pratiche di questo tenore (The Art of Losing Control: A Philosopher’s Search for Ecstatic Experience, 2017). Tutto pur di esistere ancora. Il transumanesimo è anche questo e di esso Anastasi coglie quella complessità teoretica che analisi soltanto giornalistiche o sociologiche non sono in grado di comprendere. L’Autrice dà infatti il giusto peso al fatto «che molti dei più importanti esponenti del movimento provengono da una preparazione accademica illustre e possono essere considerati tra le voci più influenti, almeno in materia di tecnologia, del nostro secolo» e anche per questo si chiede se «il porsi stesso della domanda sull’Essere, la posta in gioco più alta del pensiero transumanista, non coincida forse con il compito primo di una qualsiasi Filosofia?» (Infra, p. 123). Il suo stesso libro rappresenta la risposta. Positiva, naturalmente.

Alberto Giovanni Biuso

- 1 -

ISBN 978-88-944492-1-1

Selenia Anastasi Lekton Edizioni

Fronte
Retro
Sfoglia
Guarda a 360°

Verificare di essere umani

Sono ancora molte le incognite che interessano il fenomeno vita, ma appare ormai piuttosto chiaro che il percorso fin qui tracciato, anziché indirizzare verso una semplificazione, apre a uno spazio sempre più vasto di possibilità inesplorate.

Acquista

Spedizione Gratuita

In collaborazione con

Tempi di consegna: 5 giorni lavorativi

Vai alle Spedizioni

Pagamenti Sicuri

In collaborazione con:

metodi pagamento

Vai ai Pagamenti

metodi pagamento

Descrizione

L’opera si propone di sviluppare un discorso che abbia un valore etico, muovendo dalle controverse pro­poste dei movimenti Transumanisti e Postumanisti, circa il futuro e il presente della specie umana. Si prenderanno in considerazione tanto gli aspetti critici, quanto quelli propositivi e innovativi di en­trambe le letture. L’aspirazione e insieme la necessità di un approccio transdisciplinare alla materia trattata ha comportato l’uso di documentazione ampia e variegata, consentendo di inclu­dere, tra le argomentazioni, teorie e concetti cari a settori scientifici e disciplinari quali Filosofia della mente, Antropologia culturale, Fi­sica, Biologia, passando per Teorie dell’informazione, l’Intelligenza Ar­tificiale e Bioetica, pur rimanendo fedeli alla peculiare metodologia di ricerca olistica della Sociologia della Cultura. Intento dell’autrice è dimostrare che un orientamento moderato del pensiero transumanista è possibile, in quanto legittimo e realistico, se inquadrato all’interno del pano­rama contemporaneo segnato dalla morte di Dio e ormai domi­nato dall’elemento artificiale.

A corredo del saggio, è presente un’appendice grafica realizzata dall’artista Mana.

Informazioni aggiuntive

Data di pubblicazione

2019

Pagine

210

ISBN

978-88-944492-1-1

Autore Selenia Anastasi
Sottotitolo Per una teoresi del Transumanesimo
Introduzione Alberto Giovanni Biuso
Pagine 210
Pubblicazione 2019
ISBN 978-88-944492-1-1
Collana Saggistica, Sképsis

Informazioni su Selenia Anastasi

Selenia Anastasi, nata a Catania il 6 Settembre 1991, ha conseguito il diploma di Liceo Classico e la Laurea in Scienze e Lingue per la Comunicazione presso l’Università degli studi di Catania. Appassionata di Filosofia, tecnologie e nuovi media, si dedica da anni allo studio degli aspetti teoretici legati all’Intelligenza Artificiale, del loro impatto sul tessuto sociale e delle loro conseguenze sul piano antropologico.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Verificare di essere umani”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Blog

Non hai ancora scelto il tuo eBook?