Prefazione

“Conosci te stesso”. All’ombra di questo motto socratico si sviluppa l’intera vicenda della filosofia occidentale – non a caso chiamiamo “presocratica” la fase che precede la straordinaria figura di Socrate, un po’ come dire che essa costituisce la “preistoria” della disciplina. Socrate propone ai sapienti (meglio: a coloro che amano la sapienza appunto perché ne sono inesauribilmente mancanti, e perciò la ricercano) di spostare il centro dell’interesse dai principi primi della natura all’essere umano: a che serve, infatti, conoscere l’intero universo, se non abbiamo conoscenza e consapevolezza di quel che noi stessi siamo?

Questa mossa teorica dal mondo all’essere umano, dall’esterno all’interno di noi stessi, è talmente fondamentale per il pensiero che, a ben guardare, la filosofia non si è mai accontentata della sua prima manifestazione. Al contrario si tratta di un movimento che si ripete continuamente, dentro quadri concettuali differenti, nella storia del pensiero occidentale. Per limitarsi a pochi esempi paradigmatici, quel gesto teorico è ripetuto da Protagora quando asserisce che l’uomo è la misura di tutte le cose; da Agostino per il quale la verità risiede – e può essere indagata solo – nell’interiorità dell’essere umano; da Cartesio, per il quale nulla è certo se non ciò che è illuminato dal faro, rivolto verso l’interno di sé, dell’introspezione; da Kant la cui rivoluzione copernicana ci chiede di volgere la nostra indagine preliminare dei fondamenti verso l’unica garanzia possibile della conoscenza, il Soggetto. E si potrebbe continuare.
E tuttavia, ogni mossa teorica rivela la verità in modo ambiguo, in parte indiretto: per quel che non dice, non meno che per ciò che dice. Conoscere significa selezionare, puntare i riflettori su qualcosa, mettendo in ombra altro. Nessun modello è la realtà, nella sua interezza. Cosa mette in ombra, incessantemente, questo insistente riportare il timone del pensiero dall’esterno all’interno di noi stessi? Ciò che occulta (ma a tratti torna a rivelare) è il legame profondo tra noi e il mondo nel quale siamo “gettati” – per usare una nota formulazione novecentesca. Noi siamo, in parte, il nostro mondo: concresciamo con esso.

Un aspetto di questa indissolubile dipendenza degli individui umani dal mondo esterno, sul quale (come ci ricorda Simone Belvedere) ha recentemente richiamato l’attenzione il filosofo inglese Andy Clark, è il fatto che siamo natural born cyborgs: siamo creature naturalmente costruite mediante l’innesto di materiali culturali provenienti dall’esterno. Un esempio fondamentale di questo fenomeno è il linguaggio: qualcosa che ci definisce profondamente come individui e come soggetti, ma che nondimeno esiste soltanto come deposito culturale delle pratiche comunicative tra esseri umani, e che dunque ciascun individuo deve apprendere dalla propria comunità. Questa dualità era già nota ad Aristotele, che ci definiva “animali linguistici”, ma che al tempo stesso aveva ben chiaro come il linguaggio è parte non della “natura” semplicemente, bensì della “seconda natura”: quella componente di costruzione culturale senza la quale la nostra natura, in sé difettiva, rimarrebbe incompleta. Qualcosa, insomma, che è natura, in quanto imposta dalla lacuna biologica che ci sbilancia verso la creazione di istituzioni culturali; e che al tempo stesso è governata da una logica, quella appunto delle istituzioni convenzionali, distinta dal piano della biologia.

Il libro di Simone Belvedere(sviluppo di una tesi di laurea che ho avuto il piacere di seguire) ci accompagna alla scoperta di questo sbilanciamento naturale verso la cultura, con modalità che si lasciano apprezzare per diverse ragioni: per il potere di sintesi;per il modo in cui tiene insieme temi contemporanei e fili del pensiero tradizionale; per il linguaggio diretto, non libresco, e però mai banale. Una prima estensione della mente,dunque, di cui questo libro rende conto è quella per cui l’individuo umano ospita da sempre dentro di sé l’altro e il mondo. Ma esso solleva anche la questione di un secondo sbilanciamento verso il mondo. Proprio in quanto animali simbolici, dotati di una seconda natura linguistica, siamo capaci di rappresentare il mondo, di farcene modelli e prevederlo, e perciò in qualche modo di assoggettarlo a noi nella misura in cui ne comprendiamo le leggi (la natura, come è noto, si comanda ubbidendole). Il linguaggio fa di noi se non i legislatori, quanto meno gli amministratori pro-tempore dei pezzi di natura su cui riusciamo ad estendere il nostro potere: una capacità simbolica di controllo e dominio sulla natura che ci inebria, e a volte ci acceca, dalla notte dei tempi.

Questo è l’elemento prometeico inscritto nel fondo della nostra natura di animali simbolici. Una natura con cui stiamo forse per ingaggiare la resa dei conti finale, nel momento in cui abbiamo sviluppato il potere di creare mondi artificiali, e persino fittizi, per noi più veri del vero. Nel momento in cui il nostro bene più prezioso, l’intelligenza, può essere riprodotta in modo disincarnato dal nostro corpo biologico. Nel momento in cui il bilancio dell’energia e della materia sul nostro pianeta rischia di schizzare fuori dalla sua orbita di equilibrio a causa del nostro eccesso di potenza.

Il libro che vi accingete a leggere ci introduce a questi disequilibri con uno sguardo filosofico. Non ci aiuta forse ad uscirne, ma di certo ci aiuta a guardarli con sguardo fermo, senza vacillare. Che è un compito degno della filosofia.

Marco Mazzone

- 1 -

ISBN 978-88-944492-0-4

Simone Belvedere Lekton Edizioni

Fronte
Retro
Sfoglia
Guarda a 360°

Mens Extensa

Gli strumenti che hanno accompagnato la nostra evoluzione si sono evoluti a loro volta, cambiando il mondo, forse in maniera irreversibile.

Acquista

Spedizione Gratuita

In collaborazione con

Tempi di consegna: 5 giorni lavorativi

Vai alle Spedizioni

Pagamenti Sicuri

In collaborazione con:

metodi pagamento

Vai ai Pagamenti

metodi pagamento

Descrizione

Il seguente saggio si propone di indagare i risultati ottenuti intorno alla riflessione sull’anima, sulla mente e sul suo rapporto con il corpo, ripercorrendo solo alcune delle più significative interpretazioni dell’anima che in Occidente si sono avvicendate nei secoli, ridefinendo il concetto stesso di mente. Le riflessioni intorno alla natura della mente accompagnano le filosofie antiche e moderne, senza mai esaurire del tutto la tematica, per giungere sino ai giorni nostri. La discussione intorno all’anima investe ormai tematiche afferenti a un ambito multidisciplinare, grazie al ponte che nel XX secolo si instaura tra discipline scientifiche e filosofiche, e trova la sua forma più compiuta nelle scienze cognitive. Avvalendosi del contributo fornito dalle discipline scientifiche e dalla tecnologia, le scienze cognitive si misurano con il dualismo cartesiano, nel tentativo di trovare un linguaggio adeguato e una sede definitiva per la mente, destinata a peregrinare tra l’interiorità e il mondo esterno. Un recente modello che si propone di dare conto della vera natura dell’anima umana è quello della Mente estesa, posizione esternista che concepisce la mente in perenne rapporto col mondo, riversata nell’ambiente esterno, un mondo che, divenendo intelligente, si popola di artefatti che potenziano le capacità fisiche e cognitive umane. Invece di adattarsi all’ambiente, il cyborg naturale trasforma il mondo a sua immagine, con conseguenze difficili da prevedere sulla società. La mente umana trova riflesso in un ambiente sempre più antropizzato, un mondo di macchine, che rischia di sovvertire le convinzioni che abbiamo su noi stessi, mostrando spiragli futuribili di un umanità minacciata dall’eccesso di mondo che gli artefatti tecnologici hanno comportato.

Informazioni aggiuntive

Data di pubblicazione

2019

ISBN

978-88-944492-0-4

Pagine

124

Autore Simone Belvedere
Sottotitolo L’anima di Prometeo in un mondo di macchine
Introduzione Marco Mazzone
Pagine 124
Pubblicazione 2019
ISBN 978-88-944492-0-4
Collana Saggistica, Sképsis

Informazioni su Simone Belvedere

Simone Belvedere è nato a Caltagirone (CT) nel 1985. Ha conseguito la laurea in Filosofia. I suoi studi includono discipline d’ambito scientifico e umanistico grazie ai quali coniuga le sue ricerche con l’interesse per le nuove tecnologie.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Mens Extensa”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Blog

Non hai ancora scelto il tuo eBook?